Esercitazione fuoco prescritto

Posted on: Mer, 08/04/2015 - 16:03   By: caroti

Sabato 11 aprile, a partire dalle 8.30, si prevede che si possa aprire la finestra meteorologica per l'accensione del fuoco prescritto sul Monte Lombardona, nel Comune di Vicopisano. Potranno, quindi, essere notate fiamme che non devono destare allarme o preoccupazione, visto che non si tratta di un incendio boschivo, ma al contrario di un'attività prevista e controllata che mira proprio a prevenire questo tipo di incendi.

Negli ultimi quaranta anni nel comprensorio dei Monti Pisani se ne sono verificati molti, intensi e di grandi dimensioni, evidenziando l'estrema vulnerabilità della zona. L'esposizione a emergenze di così alto livello richiede un complesso di misure preventive che è importante applicare prima che l'incendio si verifichi e lontano dalla stagione più critica. La riduzione dei combustibili infiammabili in aree strategiche può rappresentare un percorso efficace e a basso costo per la collettività. Ecco che allora il fuoco può risultare prezioso per prevenire gli incendi. La tecnica con la quale è utilizzato si chiama appunto "fuoco prescritto" e deve essere realizzata solo da personale esperto.

L'impatto ecologico del fuoco prescritto è estremamente ridotto rispetto a quello di un incendio che per sua natura si sviluppa in modo incontrollato. Attraverso un progetto che studia attentamente le condizioni meteo-climatiche e morfologiche si può applicare questa tecnica senza danni per la fauna e per la vegetazione. In presenza delle condizioni adatte il fuoco procede lentamente e sviluppa meno fumo e sostanze inquinanti, perché consuma solo la parte più infiammabile della vegetazione, mantenendo integro tutto il resto. In alcune realtà forestali europee la pratica del fuoco prescritto è consueta e i suoi effetti benefici vengono apprezzati fin dagli anni sessanta. Anche in Italia sono già state realizzate diverse esperienze positive. La didattica e la messa in pratica della tecnica dell'uso del fuoco per contrastare gli incendi boschivi sono scomparse, insieme alle professionalità forestali storiche che adottavano con efficacia questo metodo per contrastare gli incendi sia nelle fasi preventive che repressive. Il recupero di queste tecniche è finalizzato al miglioramento del sistema Anticendi Boschivi regionale attraverso personale sempre più professionalizzato poiché, alla luce della variazione climatica e del diffuso abbandono del territorio rurale, gli incendi boschivi hanno assunto negli ultimi dieci anni caratteristiche sempre più violente. Per la messa in pratica della tecnica sul terreno è stato messo a punto dai docenti della scuola AIB di Siena, in collaborazione con i tecnici locali abilitati Fabio Casella ed Enrico Bernardini, un vero e proprio progetto di fuoco prescritto. La scelta è ricaduta, a livello regionale, sul Monte della Lombardona, in quanto vi si riassumono le condizioni geografiche, botaniche e gestionali delle difese AIB, tali da sintetizzare tutto lo scenario toscano. La zona inoltre offre alle squadre, in caso di incendio boschivo, la possibilità di intervenire in modo più sicuro e rapido per spengere le fiamme. È già stato effettuato un test, in data 12 febbraio 2015, ma la temperatura era ancora troppo bassa perché l'esperimento desse i risultati attesi. Ad oggi si prevede, invece, in vista di sabato prossimo un periodo senza pioggia e un lieve aumento termico tale da rientrare nei parametri ottimali. 

Le attività di fuoco prescritto previste per l'11 aprile  si concluderanno alle 12.30.

In allegato il volantino informativo.

 

 

Contatti: 
Ufficio Ambiente
Tel: 
050/796526-27
E-mail: 
ambiente@comune.vicopisano.pi.it