Progetto di Educazione Ambientale

Posted on: Gio, 12/02/2015 - 14:24   By: caroti

Premessa

L’educazione ambientale è uno strumento fondamentale per sensibilizzare i cittadini a una maggiore responsabilità verso i problemi ambientali e alla consapevolezza della necessità di essere coinvolti nelle politiche di governo del territorio. Mira a promuovere cambiamenti di atteggiamento e comportamento individuali e per garantire un efficace raggiungimento degli obiettivi educativi è fondamentale sviluppare attività a diretto contatto con l’ambiente, attente a quello che avviene nel territorio di riferimento.

L’educazione ambientale si è evoluta nel tempo, iniziando a includere una maggiore attenzione all’inquinamento, alle emergenze ambientali e alle dinamiche sociali ed economiche, per arrivare al concetto di educazione allo sviluppo sostenibile. Essa non riguarda solo l’ambiente, anche l’economia (consumi, povertà, disuguaglianze fra Nord e Sud del mondo) e la società (diritti, pace, salute, diversità culturali). Ha un approccio olistico e incoraggia l’uso della riflessione, tocca tutti gli aspetti della vita e i valori, in particolar modo il rispetto degli altri e delle generazioni future, acquisendo sempre più i contorni di una forma fondamentale di solidarietà e di cultura, strumento imprescindibile di buon governo e buona amministrazione. In questa direzione si inseriscono alcune iniziative, nel campo scolastico, portate avanti anche dal Ministero dell’Ambiente in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

 

Promotore

Ficcatelo è in tasca è un movimento creato da Luca Batoni contro i rifiuti lasciati per strada sia per informare sull'inquinamento giornaliero (anche solo gettando una cicca per terra) sia per offrire soluzioni pratiche e idee per recuperare i materiali, riciclare, differenziare e rispettare sempre di più il nostro ambiente. Il movimento, tramite il blog http://ficcatelo.blogspot.it/, la presenza sui social network, la collaborazione di cittadini e associazioni, l'educazione nelle scuole, le campagne informative, il passaparola (in una parola la partecipazione) promuove la raccolta differenziata, il porta a porta, le energie rinnovabili, il riciclo creativo di rifiuti, il risparmio energetico, il rispetto ambientale e l'ecologia. [b]Il progetto ha tre obiettivi principali:

1) generare/rafforzare la coscienza ecologica, la consapevolezza e la tutela ambientale (piccoli gesti possono risolvere grandi problemi) per combattere l'inquinamento (ambientale, acustico, atmosferico) e le forme di illegalità ambientale ecc.

2) combattere l'abbandono di rifiuti nel territorio, per strada, nei boschi, nei prati, di rifiuti tossici ecc.

3) evitare l'abbandono di cicche di sigaretta e promuovere soluzioni concrete e diffuse sul territorio anche in collaborazione con esercizi commerciali.

 

Azioni concrete

- Formazione e informazione nelle scuole del territorio

Il progetto prevede un ciclo di incontri nelle scuole e un incontro/evento in collaborazione con le associazioni del territorio e con soggetti che si occupano di ambiente.  Lo scopo è quello di formare e informare bambini e ragazzi trasmettendo loro la consapevolezza che con piccole azioni e determinati comportamenti possono contribuire a rendere più pulita l'aria e a tutelare il proprio benessere (invitandoli contestualmente a diffondere le conoscenze e le informazioni acquisite in famiglia, nel loro gruppo di amici e nel loro microcosmo), quello della comunità, di piante e di animali e di offrire ai docenti un supporto affinché anche la scuola possa essere partecipe di un cambiamento culturale sulla sostenibilità ambientale che può essere attuato attraverso l'informazione, la sensibilizzazione, la promozione di buone pratiche e comportamenti, ma soprattutto grazie alla partecipazione di tutti.

- Formazione  e informazione dei cittadini

Il progetto prevede incontri pubblici con Geofor/Amministratori del Comune e il presidente di Geofor nelle frazioni del Comune: 24 e 26 febbraio, 3-5-10-12-17-19-24 marzo) e campagne di informazione e sensibilizzazione.

- Collaborazione con esercizi commerciali per la dotazione di gadget portamozziconi.  Da quando è entrata in vigore la legge contro il fumo passivo nei luoghi pubblici, infatti, molti fumatori si assembrano all'esterno dei locali e gettano i mozziconi per terra creando un aggravio di lavoro per gli operatori ecologici e un danno ambientale notevole.

RICORDIAMO CHE E' SEMPRE IN VIGORE L'ORDINANZA DEL SINDACO 175/2014 (IN ALLEGATO O CLICCANDO QUI)) PER LA REGOLAMENTAZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA TRAMITE SISTEMA PORTA A PORTA, OBBLIGHI E METODOLOGIE. 

Contatti: 
Simona Caroti
Ufficio Comunicazione
Tel: 
050/796525
E-mail: 
comunicazione@comune.vicopisano.pi.it