Cessione di fabbricati

Posted on: Gio, 22/11/2012 - 12:09   By: lenzi.letizia

Novità normative.


Secondo quanto previsto nella disciplina previgente (Art. 12, Legge n. 191/78) ogni qual volta che si cedeva la proprietà o il godimento di un bene immobile, per un periodo superiore a 1 mese, era necessario comunicarlo all’autorità di pubblica sicurezza.



Con la riforma introdotta dall'articolo 2 del decreto legge 20 giugno 2012, n. 79, convertito in legge n. 131 /2012, tale obbligo non sussiste più in quanto questo viene adempiuto con la registrazione dei contratti, vendita, locazione od altro tipo.


Permane l'obbligo di comunicazione solo nel caso in cui, quando si tratti di locazioni ad uso abitativo effettuate nell’esercizio di un’attività d’impresa, o di arti e professioni. In tal caso la comunicazione va effettuata entro quarantotto ore dalla cessione del bene.


Cittadini stranieri.


E' confermato l'obbligo di comunicazione stabilito dall'articolo 7 del T.U. 286/98, concernente la disciplina dell'immigrazione e della condizione dello straniero. Pertanto il proprietario dell'immobile deve presentarsi all'Autorità di P.S. di competenze (Questura/Commissariato o in Comune in caso di mancanza di questi Uffici ) a seconda dell'ubicazione dell'immobile e dichiarare la presenza dello straniero, presentando il contratto registrato all'Agenzia delle Entrate e i documenti di entrambi.



  •