Prorogato periodo di alto rischio incendi

Posted on: Lun, 28/08/2017 - 15:02   By: caroti

Proroga periodo a rischio per lo sviluppo di incendi boschivi

La Regione ha proporogato il periodo a rischio per lo sviluppo di incendi boschivi al 15 settembre 2017, incluso.

La decisione è stata assunta considerato:

- l'elevato numero di incendi boschivi verificatisi in Toscana nel trimestre giugno-agosto 2017;

- che per l'intero territorio regionale il modello indice di rischio prevede attualmente condizioni di rischio molto alto per l'innesco e la propagazione degli incendi boschivi;

- che le previsioni meteo a medio termine elaborate dal Consorzio LaMMA forniscono indicazioni su probabili, prevalenti condizioni di alta pressione con tempo stabilee temperature generalmente al di sopra dei valori medi fino alla prima settimana del mese di settembre 2017. 

N.B.: I cittadini sono inviatati a segnalare tempestivamente eventuali focolai al numero verde della Sala operativa regionale 800 425 425 o al 115 dei Vigili del Fuoco.

RICORDIAMO CHE, quest'anno, era stato anticipato al 10 giugno il periodo a rischio per lo sviluppo di incendi boschivi e il conseguente divieto assoluto di abbruciamento di residui vegetali agricoli e forestali nelle province di Arezzo, Grosseto, Livorno, Pisa, Pistoia, Prato, Siena e della Città Metropolitana di Firenze.

L'anticipo del periodo di divieto rispetto alla data stabilita del primo luglio era stato deciso dalla Regione poiché il rischio di innesco e propagazione di incendi boschivi risultava già alto nelle zone centro-meridionali del territorio regionale. Inoltre le previsioni meteo a medio termine elaborate dal Consorzio LaMMA fornivano indicazioni su probabili prevalenti condizioni di alta pressione con tempo stabile e temperature generalmente al di sopra dei valori medi.
 
"Visto il perdurare del periodo di siccità - aveva sottolineato Marco Remaschi, Assessore ad agricoltura e foreste della Regione Toscana - la situazione climatica ci impone la massima attenzione. Per questo, oltre ad attuare le previste misure di prevenzione, abbiamo provveduto a potenziare i servizi operativi sul territorio, attivando ulteriori squadre di operai forestali e volontariato antincendi boschivi".
 
SANZIONI E ORDINANZA DEL SINDACO JURI TAGLIOLI n.66 del 5 giugno 2017 SU DIVIETO DI ABBRUCIAMENTO/COMBUSTIONE ALL'APERTO DI QUALSIASI RESIDUO VEGETALE, AGRICOLO E/O FORESTALE.
 
l Sindaco ordina su TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE
 

- il divieto assoluto di abbruciamento/combustione all'aperto di qualsiasi tipo di residuo vegetale, agricolo e/o forestale;

il divieto assoluto di qualsiasi tipo di operazione di cui all'art. 58 comma 1 del Regolamento Forestale della Regione Toscana e nello specifico:

  • accensione di fuochi e carbonaie;
  • abbruciamento/combustione di residui vegetali;
  • uso di strumenti o attrezzature a fiamma libera o che possano produrre scintille o faville;
  • accumulo o stoccaggio all'aperto di fieno, paglia o altri materiali facilmente infiammabili;
  • qualsiasi tipo di operazione che possa creare pericolo mediato o immediato di incendi:
  • quanto sopra nelle seguenti aree:
  1. nei boschi e nelle aree assimilate (L.R. 39/2000);
  2. negli impianti di arboricoltura da legno;
  3. nella fascia di terreno contigua alle aree di cui sopra per una larghezza pari a 50 metri qualunque sia la destinazione dei terreni della fascia stessa

- il divieto assoluto di abbandonare e gettare, anche da automezzi in transito, oggetti o materiali di qualunque tipo che possano dare innesco al fuoco o favorirne la propagazione;

ai proprietari dei terreni di garantire il buono stato di manutenzione della viabilità campestre e poderale di specifica pertinenza, al fine di consentire una agevole percorribilità ai mezzi di soccorso e/o di pronto intervento in caso di incendio;

ai proprietari e ai possessori di tutte le aree classificabili come potenziali siti di innesco di incendi boschivi ossia: bosco, aree assimilabili, impianti di arboricoltura da legno, terreni incolti, coltivi e pascoli situati entro 50 metri dalle aree boscate colpite o minacciate da incendio; di garantire il libero accesso ai veicoli operativi inviati per le operazioni di estinzione.

E' consentito in deroga l'uso di bracieri e barbecue per la cottura dei cibi nelle aree urbane e nei giardini oppure in altre pertinenze dei fabbricati di qualsiasi destinazione, entro 20 metri di distanza dai fabbricati stessi, adottando comunque le necessarie cautele per evitare l'innesco e la propagazione incontrollata del fuoco.

I DIVIETI SOPRA INDICATI SONO IN VIGORE DAL PRIMO GIUGNO FINO AL 31 AGOSTO, FATTA SALVA EVENTUALE PROROGA, ora FISSATA AL 15 SETTEMBRE 2017

IN ALLEGATO L'ORDINANZA N.66 DEL 5 GIUGNO 2017 SU DIVIETO DI ABBRUCIAMENTO/COMBUSTIONE ALL'APERTO DI QUALSIASI RESIDUO VEGETALE, AGRICOLO E/O FORESTALE.

SEGNALIAMO CHE OLTRE ALLE SANZIONI AMMINISTRATIVE INDICATE DALLA PRESENTE ORDINANZA

POSSONO ESSERE APPLICATE LE SANZIONI PREVISTE DALLA LEGGE REGIONALE CHE OSCILLANO FRA I 1.033 E I 3.099 EURO

 
 
Contatti: 
Simona Caroti
Ufficio Staff del Sindaco
Tel: 
050/796525
E-mail: 
caroti@comune.vicopisano.pi.it