Open Toscana - Bene (in) Comune

Posted on: Ven, 28/12/2012 - 10:38   By: caroti
E' stato promosso dall'Amministrazione Comunale il percorso partecipativo Bene (in) Comune, con il cofinanziamento della Regione (attraverso l'Autorità Regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione nell'ambito della LR 46/2013) e la collaborazione di Simurg Ricerche.

 
Il percorso partecipativo è andato avanti per sei mesi, dalla conferenza stampa di presentazione nella Sala Consiliare del Comune di Vicopisano del 22 dicembre 2015 all'incontro finale nella ex scuola di San Giovanni alla Vena l'11 giugno 2016. I vari inontri e laboratori che si sono succeduti hanno riguardato tutto il territorio.
 
- Conferenza stampa di avvio del progetto.

- 1  incontro  di  informazione  e  formazione alla  cittadinanza  (San Giovanni alla Vena) suddiviso in due sezioni:

a) formazione  sul  tema  dell’amministrazione  condivisa/beni  comuni  (Rossana  Caselli, Labsus - Laboratorio per la sussidiarietà) e presentazione dell’esperienza del Comune di Capannori (Matteo Francesconi, Assessore alla Partecipazione).

b) Primo laboratorio per l’individuazione dei beni comuni

- 5 laboratori territoriali per l’individuazione dei beni comuni, la raccolta dei progetti e la stesura  del  regolamento  comunale  per  la  gestione  dei  beni  comuni (Uliveto Terme, San Giovanni alla Vena, Lugnano.

- 1 laboratorio   dedicato   alla   stesura   della   bozza   finale   del   regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione comunale per la cura e la  gestione dei beni comuni (San Giovanni alla Vena, 14/05/2016)

- 1 incontro finale di restituzione alla cittadinanza e all’Amministrazione Comunale dei risultati e dei prodotti del percorso partecipativo.
 
 
Il progetto Bene (in) Comune si inserisce nel solco di una nascente e sempre più diffusa attenzione, sia a livello nazionale che regionale, al tema dei beni comuni. Alla base di queste nuove pratiche c'è la consapevolezza che, soprattutto in una fase economica come quella attuale, è fondamentale incentivare forme diverse di gestione dei beni pubblici che altrimenti rischiano di non essere utilizzati o adeguatamente curati. 

 

Il 6 febbraio si è svolto, nei locali del CIF di San Giovanni alla Vena, il primo incontro del progetto. Hanno partecipato circa venti persone, tre come rappresentanti di associazioni locali e gli altri come semplici cittadini. L'evento ha avuto il duplice scopo di informare i cittadini sulle pratiche più diffuse di amministrazione condivisa che si stanno affermando in Toscana e in Italia e costruire i primi laboratori per l'individuazione dei "beni in comune" presenti nel territorio comunale. L'Incontro è stato strutturato in due sessioni: una formativo-informativa nel corso della quale il Consigliere per la partecipazione Aldo Picchi e Rachele Benedetti di Simurg Ricerche hanno presentato il progetto, Rossana Caselli referente per la Toscana dell'associazione Labsus(link is external), ha parlato dei fondamenti, dei metodi e delle pratiche per l'amministrazione condivisa e Matteo Francesconi, Assessore alla partecipazione del Comune di Capannori ha spiegato l'esperienza del progetto "Spazio comune". A seguito degli interventi si è svolto un dibattito con i partecipanti che hanno avuto modo di interloquire con i responsabili tecnici del progetto, gli esperti intervenuti in materia di beni comuni e l'Amministrazione Comunale. Dopo il dibattito i rappresentanti dell'Amministrazione Comunale hanno lasciato l'incontro per consentire ai partecipanti di avviare i laboratori progettuali nella più piena spontaneità.

 

Beni comuni: cosa sono

- Naturali (ambiente, acqua, aria pura)

Sociali (beni culturali, memoria storica, sapere)

Materiali (es. piazze, giardini pubblici, edifici pubblici)

Immateriali (es. spazio comune del web)

Bene (in) Comune: obiettivo generale

Il percorso partecipativo Bene (in) Comune ha avuto come obiettivo quello di promuovere modalità innovative di rivitalizzazione emanutenzione di spazi, aree e strutture pubbliche attraverso l'attivazione e il coinvolgimento dei cittadini e delle varie altre realtà sociali e produttive del territorio. 

 

Bene (in) Comune: obiettivi specifici
 
-Promuovere modalità innovative di rivitalizzazione degli spazi pubblici e di riqualificazione di aree/strutture pubbliche

-Supportare e rendere operative pratiche di attivazione/coinvolgimento dei cittadini nella gestione dei beni comuni

-Favorire circuiti di sussidiarietà e responsabilizzazione tra amministrazione comunale e cittadini

-Supportare e promuovere la valorizzazione del territorio e delle sue risorse, attivando  forme innovative di gestione e utilizzo degli spazi comuni

-Sviluppare una diversa cultura del welfare locale come strumento generativo di risorse e non solo distributivo

-Stimolare la progettualità e la creatività dei cittadini

-Rafforzare il tessuto associativo del territorio e favorire la costruzione di reti tra associazioni e cittadini per la promozione/riqualificazione degli spazi pubblici locali.

 

Bene (in) Comune: partecipanti

 

Al processo partecipativo potevano partecipare tutti i cittadini di Vicopisano e coloro che vivono quotidianamente il territorio, associazioni, imprese e ogni altro soggetto, singolo od organizzato, che riteneva di avere idee e proposte da mettere in condivisione e discussione con gli altri.

 

La comunicazione del progetto

 

Tutti i materiali relativi al progetto e ai vari laboratori e incontri, la presentazione dell'incontro finale, la bozza di regolamento di amministrazione condivisa prodotta al termine del percorso sono consultabili a questo link:

Open Toscana - Bene (IN) Comune

 

Numeri e risultati del percorso partecipativo Bene (in) Comune (per approfondire è possibile scaricare la relazione al link sottostante)

(Relazione finale del processo partecipativo)

- 9 LABORATORI/INCONTRI

- 150 PRESENZE CIRCA

- 110 PARTECIPANTI CIRCA

- 8 REPORT/LABORATORI

- 1 MAPPA GEOREFERENZIATA DEI BENI COMUNI/PROGETTI INDIVIDUATI DURANTE I LABORATORI (CONSULTABILE CLICCANDO QUI)

 

 

DELIBERA DI GIUNTA N.59 DEL PRIMO SETTEMBRE 2017

 

In seguito al percorso partecipativo sopra descritto e ai progetti emersi, la Giunta Comunale, con delibera 59 del primo settembre 2017, ha approvato lo schema di avviso pubblico per la formulazione, da parte di cittadini, di proposte di collaborazione con l'Amministrazione per la cura, la rigenerazione e la gestione condivisa dei beni comuni urbani (disponibile al link in fondo alla pagina web).

 

 

Avviso pubblico per la formulazione, da parte di cittadini, di proposte di collaborazione con
l’amministrazione per la cura, la rigenerazione e la gestione condivisa dei beni comuni urbani

 

Il Comune di Vicopisano, intende continuare a sostenere, in armonia con le previsioni dello Statuto comunale, la collaborazione dei cittadini con l’Amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani, nel rispetto del “Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e Amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani”, approvato con delibera consiliare n. 70 del 30/09/2016.

Possono presentare proposte di collaborazione nell’ambito del presente avviso pubblico i cittadini attivi e quindi tutti i soggetti, singoli, associati o comunque riuniti in formazioni sociali con personalità o soggettività giuridica, anche di natura imprenditoriale o a vocazione sociale, che intendano attivarsi per la cura e rigenerazione dei beni comuni urbani.

Le proposte di collaborazione devono esser presentate a mano o a mezzo posta all’Ufficio Relazioni con il Pubblico di questo Comune, nell’orario di apertura al pubblico (ore 8,30 –13,00 dal lunedì al venerdì ed anche dalle ore 15,00 alle 17,00 del martedì e giovedì e dalle ore 9,00 alle 12,00 del sabato). Inoltre con e-mail all’indirizzo protocollo@comune.vicopisano.pi.it o tramite PEC all’indirizzo comune.vicopisano @postacert.toscana.it.

 

 
BENI COMUNI, TRE PROGETTI IN FASE DI COLLABORAZIONE
Il Comune di Vicopisano tra i primi ad aver aderito al progetto di amministrazione condivisa dei beni comuni,
primi tre patti di collaborazione in fase di realizzazione e possibilità per i cittadini di presentare proposte e progetti all'Amministrazione Comunale
 
Il Comune di Bologna, in collaborazione con la rete associativa Labsus, ha approvato nel febbraio 2014 il primo regolamento comunale che, attuando il principio di sussidiarietà (art. 118, ultimo comma, Costituzione), realizza l’amministrazione condivisa dei beni comuni.
 
Dal concetto di mera "appartenenza" collettiva di beni pubblici al coinvolgimento dei cittadini nella concreta gestione degli stessi. Un nuovo modo di intendere il rapporto tra Amministrazione e cittadini che intende favorire, anche cercando di superare ostacoli burocratici e formalismi, iniziative di partecipazione effettiva dei cittadini nella cura e nella gestione di beni pubblici appartenenti alla collettività. 
 
Da allora alcuni Comuni italiani hanno adottato questo regolamento, il cui cuore sono i “patti di collaborazione”, sottoscritti dai cittadini (anche organizzati informalmente, per esempio in comitati di strada o di quartiere) e dall’Amministrazione Comunale.
 
Tramite i patti i contraenti definiscono gli obiettivi, i limiti e i contenuti delle attività di cura dei beni comuni, sia materiali (piazze, strade, verde pubblico, scuole, beni culturali e altri simili), sia immateriali (legalità, memoria collettiva, sicurezza, salute, turismo, innovazione tecnologica e altri simili).
 
Il vero valore aggiunto dell’amministrazione condivisa dei beni comuni sta nel fatto che, oltre a migliorare la qualità della vita dei cittadini, essa ricostruisce i legami di comunità, crea senso di appartenenza, coesione sociale e libera nuove energie.
 
Il Comune di Vicopisano è tra i primi ad aver aderito a questo progetto ed è addivenuto alla approvazione del Regolamento dei beni comuni a seguito del percorso partecipativo che si è svolto dal 22 dicembre 2015 (presentazione) a giugno 2015 (incontro finale dei partecipanti). In questo arco temporale si sono svolti (oltre alla presentazione e alla conferenza stampa iniziale) 9 incontri/laboratori nella varie frazioni del territorio comunale che hanno registrato circa 150 presenze. 
 
I primi tre patti di collaborazione riguardano i seguenti progetti di gestione e ri-generazione aree destinate ad uso collettivo: Uliveto Terme (Monumento ai Caduti e area sportiva in località Colmata, giardino parrocchiale a Lugnano e Parco del Volontariato a Vicopisano (i patti sono consultabili in allegato). 
 
Il Regolamento è uno strumento che consente in qualsiasi momento l'attivazione di nuovi "patti collaborazione" per esigenze varie che dovessero essere rappresentate da gruppi di cittadini e consente a queste forme di collaborazione e amministrazione condivisa trra cittadini e amministrazione di svilupparsi all’interno di un quadro giuridico di riferimento certo, fondato su regole semplici (in allegato i relativi file). Ma cosa si intende per bene comune? I beni comuni possono essere naturali (ambiente, acqua, aria), sociali (beni culturali, memoria storica, sapere), materiali (piazze, giardini pubblici, edifici pubblici ad esempio) e immateriali (es. spazio comune del web). L'obiettivo generale del percorso partecipativo svoltosi a Vicopisano ha avuto e continua ad avere come obiettivo quello di promuovere modalità innovative di rivitalizzazione  e di manutenzione di spazi, aree e strutture pubbliche attraverso l'attivazione e i l coinvolgimento dei cittadini e delle varie altre realtà sociali e produttive del territorio. 
 
Peraltro l'esperienza "pionieristica" di questi primi anni ha portato a definire meglio, a livello nazionale, i contenuti del regolamento dei "Beni Comuni" che sarà quindi oggetto di aggiornamento, mentre alcune compagnie assicurative hanno già definito adeguati strumenti di copertura (responsabilità civile e infortuni) molto snelli, economici e modulabili che permettono di tutelare singoli cittadini o gruppi, impegnati in attività brevi o di lunga durata, sia di natura semplice, sia con un certo grado di complessità.
 
 
- PROGETTI IN CORSO DI REALIZZAZIONE
 
 
 
 
 
- REGOLAMENTO BENI (IN) COMUNE
 
 
- SCHEMA DOMANDA
 
 
- SCHEMA PATTO DI COLLABORAZIONE
 
 
 
 
 
 

 

(link is external)


(link is external)

 

 
PROGETTI IN CORSO DI REALIZZAZIONE