Bando per contributo affitti

Posted on: Lun, 17/06/2019 - 13:25   By: landi

BANDO PER L'ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A INTEGRAZIONE CANONI DI LOCAZIONE ANNO 2019

 

A partire dalla data di pubblicazione del presente bando e fino al  19 LUGLIO 2019 i soggetti in possesso dei requisiti sotto elencati, potranno presentare domanda per ottenere contributi ad integrazione dei canoni di locazione secondo quanto previsto dal presente bando e dalla vigente normativa, fino ad esaurimento delle risorse disponibili.
Le domande presentate entro e non oltre tale termine,pena esclusione, daranno titolo a concorrere all'assegnazione del contributo a partire dal 1° gennaio 2019 e fino al 31 dicembre 2019 o dalla data di attribuzione della residenza anagrafica nell’alloggio oggetto di stipula del contratto di locazione, se successiva al 1^ gennaio 2019.

art.1    REQUISITI PER L'ACCESSO AI CONTRIBUTI

Per l’ammissione al concorso devono essere posseduti i seguenti requisiti, alla data di presentazione della domanda:

a. Residenza  Il richiedente deve essere residente nel Comune di Vicopisano nell’immobile oggetto del contratto di locazione;

b. Cittadinanza  Il richiedente deve essere:
         -cittadino italiano o cittadino di Stato appartenente all'Unione Europea;
-oppure cittadino di uno Stato non appartenente all'Unione Europea in possesso di permesso di soggiorno in  corso di validità o  permesso per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno);

c.  Titolarità di diritti reali su alloggi/immobili

c-1  Il richiedente e  ciascun componente del suo nucleo familiare     non    devono essere titolari di diritti di proprietà, usufrutto,uso e abitazione su alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare ubicato a distanza non superiore a 50 km. dal Comune di Vicopisano. La distanza si calcola nella  tratta stradale più breve applicando i dati ufficiali forniti dall'ACI (Automobile Club Italiano); l'alloggio è considerato  inadeguato alle esigenze del nucleo quando ricorre la situazione di sovraffollamento come determinata ai sensi dell'art.12 comma 8 della L.R.2/2019;

c-2  Il richiedente e  ciascun componente del suo nucleo familiare     non    devono essere titolari di diritti di proprietà, usufrutto,uso e abitazione su immobili o quote di essi ubicati su tutto il territorio italiano o all'estero,ivi compresi quelli dove ricorre la situazione di sovraffollamento,il cui valore complessivo sia superiore a 25.000€.. Tale disposizione non si applica in caso di immobili utilizzati per l'attività lavorativa prevalente del richiedente. Per gli immobili situati in Italia il valore è determinato applicando i parametri IMU mentre per gli immobili all'estero il valore è determinato applicando i parametri IVIE (Imposta Valori Immobili all'Estero). Tali valori sono rilevabili dalla dichiarazione ISEE;Il Comune può comunque procedere ad effettuare ulteriori verifiche presso le amministrazioni interessate;

Le disposizioni di cui alle lettere   c-1   e   c-2    non   si applicano  quando il nucleo richiedente è proprietario di un solo immobile ad uso abitativo e ricorrono le seguenti fattispecie:
-coniuge legalmente separato o divorziato che,a seguito di provvedimento dell'autorità giudiziaria,non ha la disponibilità della casa coniugale di cui è proprietario;
-titolarità di pro-quota di diritti reali dei quali sia documentata la non disponibilità;
-alloggio dichiarato inagibile da parte del Comune o altra autorità competente;
-alloggio sottoposto a procedura di pignoramento a decorrere dalla data di notifica del provvedimento emesso ai sensi dell'art.560 c.p.c.;

d.    Patrimonio mobiliare

Il valore del patrimonio mobiliare del nucleo  familiare non deve essere superiore a 25.000€ . Tale valore  si calcola applicando al valore del patrimonio mobiliare dichiarato ai fini ISEE, al lordo delle franchigie di cui al DPCM n.159/2013, la scala di equivalenza prevista dalla medesima normativa.

e.    Titolarità di un regolare contratto di locazione ad uso abitativo

Il richiedente deve essere titolare di contratto di locazione ad uso abitativo, per prima abitazione, di un alloggio di proprietà privata (con esclusione di alloggi in categorie catastali A1(abitazione di tipo signorile), A8(ville) e A9(abitazioni con pregio artistico e signorile) o pubblica (con esclusione degli alloggi ERP) ubicato nel Comune di Vicopisano con obbligo di residenza anagrafica nel medesimo alloggio . Il contratto deve essere regolarmente registrato all’Ufficio delle Entrate, in regola con il pagamento della tassa di registrazione annuale o in regime di “cedolare secca”.
 Nel caso di contratto  cointestato a due o più nuclei residenti nel medesimo alloggio, ciascuno dei cointestatari potrà presentare autonoma domanda, indicando la quota di canone di sua spettanza.
Con riferimento a tale contratto dovrà specificare se è presente una situazione di morosità all’atto della presentazione della domanda e se risulta avviata una procedura di sfratto e dovranno essere indicati tutti gli elementi idonei ad identificare l’alloggio e la tipologia contrattuale, nonché i mq. dell’alloggio stesso.

A parziale eccezione di quanto indicato nel presente punto, saranno ammissibili anche le domande presentate da soggetti non intestatari del contratto di locazione, che si trovino  almeno in una delle seguenti situazioni:
1. soggetto facente parte del nucleo della persona a cui è intestato il contratto e residente nell'alloggio al quale si riferisce il contratto di locazione;
2. soggetto avente diritto alla successione nel contratto (ex art.6 L.392/78 così come modificato dalla sentenza della Corte Costituzionale  n.404 del 7/4/88), a seguito del decesso dell'intestatario o a seguito di separazione legale dal coniuge e che dimostri il pagamento del canone di locazione presentando all'ufficio le ricevute dell' affitto.

f.  Situazione economica

Il  richiedente deve possedere Attestazione  I.S.E.E. 2019 rilasciata dall’INPS  riferita a tutti i componenti del nucleo familiare rientrante nei valori di seguito indicati:

    -per “FASCIA A”: valore I.S.E., non superiore all’importo di due pensioni minime INPS  per l’anno 2019, pari a € 13.338,26  ed incidenza del canone di locazione, al netto degli oneri accessori, non inferiore al 14%;
    -per “FASCIA B”: valore I.S.E. compreso tra € 13.338,26 e € 28.684,36 e un valore I.S.E.E. non superiore a € 16.500,00,con un’incidenza canone di locazione/I.S.E almeno pari al 24%.

Nel caso di I.S.E. ZERO o inferiore al canone di locazione annuo, la domanda sarà ammissibile solo  se il richiedente/nucleo familiare:
- usufruisce di assistenza da parte dei Servizi Sociali  del Comune di Vicopisano attestabile dalla Assistente Sociale(da riscontrare d’Ufficio)
- usufruisce di redditi certificabili di qualunque tipo (lavoro dipendente o autonomo o esenti da IRPEF) percepiti successivamente al 1/1/2018 (allegare documentazione reddituale)
- ha un'altra fonte accertabile di sostentamento del nucleo familiare che permette il pagamento del canone di locazione anche derivante da aiuto economico di terzi, i quali sono tenuti a loro volta a dimostrare di avere sufficiente capacità economica da consentire di prestare aiuto.  Dovrà in questo caso, cioè, essere allegata  una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà rilasciata dal soggetto che sostiene l’aiuto economico del nucleo familiare, corredata obbligatoriamente della attestazione ISEE 2019 del dichiarante.  Il reddito dovrà essere congruo  rispetto al sostegno prestato.

ATTENZIONE: chi, alla presentazione della domanda, non avesse l'attestazione ISE/ISEE dovrà comunque presentare/autocertificare la ricevuta della presentazione della DSU rilasciata dal CAF o dal sistema informativo INPS

g. Assenza di altri benefici pubblici  percepiti a titolo di sostegno alloggiativo nell’anno 2019.

art.2   NUCLEO FAMILIARE

Ai fini del presente bando per determinare il nucleo familiare di riferimento si applicano le norme del DPCM n.159 del 5/12/2013 e ss.mm.ii.. Si considera,cioè, quello composto dal richiedente e da tutti coloro,anche se non legati da vincoli di parentela, che risultano nel suo stato di famiglia anagrafico alla data di presentazione della domanda. I coniugi fanno sempre parte dello stesso nucleo familiare anche quando non risultano nello stesso stato di famiglia,salvo che siano oggetto di un provvedimento del giudice o un procedimento in corso. Una semplice separazione di fatto non comporta la divisione del nucleo.


Art.3   CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE

Il Comune procede all’istruttoria delle domande dei concorrenti verificandone la completezza e la regolarità nel rispetto dei criteri di cui ai precedenti  art.  1 e 2 del presente bando.
Il Comune si riserva in sede di istruttoria di chiedere il rilascio di dichiarazioni o la rettifica di dichiarazioni erronee o incomplete.
Successivamente procede alla adozione della graduatoria provvisoria degli aventi diritto ,suddivisi in fascia “A” e “B”,
Nell’ambito di ciascuna fascia i soggetti richiedenti sono ordinati in base alla percentuale di incidenza canone/ISE (partendo dalla maggiore percentuale e con indicazione di due cifre dopo la virgola). A parità di posizione in graduatoria prevale l’anzianità di residenza nel Comune.
La collocazione in graduatoria non comporterà automaticamente il diritto all'erogazione dell'importo riconosciuto, restando l'effettiva liquidazione subordinata alla disponibilità di risorse sufficienti.

Gli esiti della graduatoria PROVVISORIA, con l'indicazione dei modi e dei tempi per effettuare eventuale ricorso, saranno pubblicati, con accesso riservato ai partecipanti ,per 15 giorni consecutivi all’Albo Pretorio on line.

La graduatoria potrà essere consultata tramite il sito internet del Comune di Vicopisano (www.viconet.it) richiedendo all'ufficio la password di accesso, oppure presso l’URP, lo Sportello Casa e lo Sportello Immigrati. Qualora entro i termini sopra previsti, non sia pervenuta alcuna opposizione,la graduatoria provvisoria diverrà automaticamente  definitiva.
Anche la graduatoria DEFINITIVA sarà consultabile tramite il sito internet  del Comune e presso i suddetti uffici.

La pubblicazione delle graduatorie provvisoria e definitiva degli aventi diritto e dell'elenco degli esclusi sostituisce la comunicazione  personale  di  cui agli artt.8 e 10 bis della legge 241/90 e ss.mm.

Dell’avvenuta pubblicazione  di tali esiti  verrà data notizia  a mezzo stampa,  sito internet e  messaggistica  sul  n. di cell . che  il richiedente  avrà cura di indicare  nella  domanda.

Art.4    DETERMINAZIONE dei CONTRIBUTI

L’entità del contributo teorico è determinata sulla base dell’incidenza del canone annuo,  al netto degli oneri accessori, sul valore ISE come segue:
fascia A) il contributo è tale da  ridurre l'incidenza    al 14%, (Contributo= Canone - 0,14*ISE), per un massimo di €. 3.100,00;
fascia B) il contributo è tale da  ridurre l'incidenza   al 24%, (Contributo = Canone – 0,24*ISE), per un massimo di €. 2.325,00 .


Il contributo teorico è rapportato al periodo di validità del contratto calcolato in mesi interi ed alla effettiva residenza anagrafica nell’alloggio locato. Le frazioni di mese inferiori a 15 giorni sono escluse dal calcolo del contributo. Non può essere cumulato con altri benefici pubblici da qualunque Ente erogati per il presente anno e in qualsiasi forma a titolo di sostegno alloggiativi. L’ottenimento del contributo da parte di soggetti i cui nuclei familiari sono inseriti nelle graduatorie vigenti per l’assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica non pregiudica in alcun modo la posizione acquisita dal richiedente nelle suddette graduatorie. L’eventuale assegnazione dell’alloggio E.R.P. è causa di decadenza del diritto al contributo.
Il contributo sarà erogato nei limiti delle risorse disponibili, con percentuali  diverse dal 100% .
Il valore del canone di locazione di riferimento, è quello alla data di presentazione della domanda, relativo all’anno 2019,risultante dal contratto di locazione  (o dalla ricevuta di versamento presentata), al netto degli oneri accessori e compresi gli aggiornamenti ISTAT, se previsti. Si specifica che, nel caso non sia chiara la distinzione tra canone di locazione ed eventuali oneri accessori, il canone annuo preso come riferimento sarà quello originario indicato dal contratto di locazione (senza eventuali aumenti ISTAT).
    Nel caso di proroga, rinnovo o stipula di un nuovo contratto di locazione entro i termini di apertura del presente bando, il canone annuo di locazione sarà determinato dalla somma dei canoni.
    Nel caso di contratto di locazione con data di scadenza posteriore al termine di chiusura del bando, verrà calcolata l’incidenza del canone annuo di locazione fino al 31/12/2019 provvedendo, anteriormente all’erogazione del contributo,alla verifica dell’avvenuta proroga,rinnovo o stipulazione di un nuovo contratto di locazione.
    Nel caso di variazione del contratto di locazione successiva al momento della presentazione della domanda e al termine di chiusura del bando, il soggetto richiedente ha l’obbligo di presentare, pena la decadenza dal contributo, una dichiarazione sostitutiva relativa alla nuova locazione; l’ufficio provvederà a verificare il mantenimento dei requisiti di cui all’art.1 del presente bando. Qualora il nuovo canone di locazione sia superiore a quello dichiarato al momento della presentazione della domanda, non si terrà conto, nel calcolo dell’incidenza, dell’avvenuto aumento. Qualora invece il nuovo canone di locazione sia inferiore al precedente, il Comune procederà a ricalcolare l’incidenza del canone sul valore ISE e quindi l’importo del contributo.
    In caso di residenza nell’alloggio di più nuclei familiari, il canone da considerare, per il calcolo del contributo, è quello derivante dalla divisione del canone previsto dal contratto per il n. complessivo dei nuclei residenti nell’alloggio.


Art.5    LIQUIDAZIONE DEI CONTRIBUTI
 
Il Comune provvederà alla liquidazione del contributo in un'unica soluzione,  nei limiti delle risorse regionali,statali e comunali disponibili,  decurtandolo della parte di reddito di cittadinanza riferito al rimborso affitti,  eventualmente percepito. Sarà  erogato previa presentazione, entro il 31 GENNAIO 2020, delle ricevute di pagamento del canone di locazione in regola con l’imposta di bollo, o documenti equipollenti.
Entro la stessa data, deve essere prodotta anche la dimostrazione dell’avvenuto pagamento dell’imposta annuale di registrazione (2019) del contratto di locazione o, in alternativa, dichiarazione del proprietario dell’immobile attestante l’opzione per la “cedolare secca”.
 
L’Amministrazione si riserva la facoltà di:
- non erogare per intero il contributo teorico assegnato ai singoli soggetti presenti in graduatoria, nel caso in cui il Fondo regionale,nazionale e comunale risulti insufficiente a coprire totalmente la fascia A e/o B), ma secondo una percentuale che determinerà una volta conosciuta con precisione l’entità del Fondo spettante al Comune di Vicopisano.
- di destinare una percentuale delle risorse regionali ai richiedenti collocati in fascia “B”. Detta percentuale, ove non sia dato un contributo a tutti i soggetti della fascia “A”, non può superare il 40% delle risorse assegnate;
- di erogare i contributi integrativi destinati ai conduttori, in caso di morosità degli stessi, al locatore interessato a sanatoria della morosità medesima, anche tramite l'associazione della proprietà edilizia dallo stesso locatore per scritto designata, che attesta l'avvenuta sanatoria con dichiarazione sottoscritta anche dal locatore.

In caso di decesso del richiedente il contributo potrà essere liquidato agli eredi che ne facciano espressa richiesta entro 60 gg. Dalla data del decesso, gli eredi dovranno essere in possesso di idonea certificazione che attesti il loro stato e delle ricevute di pagamento del canone fino alla data del decesso del richiedente.
L’ importo minimo erogabile del contributo, non può essere inferiore al 10% del canone annuo e in ogni caso non inferiore ad €.200,00 (delibera Regionale  G.R.581/2019).Il Comune di Vicopisano fissa in €.2.000,00 il tetto di canone massimo quale base di riferimento per il calcolo del 10%.

Art.6    MODALITÀ e  TERMINE di PRESENTAZIONE delle  DOMANDE

Le domande, i cui i moduli  prestampati sono reperibili presso l'U.R.P., lo Sportello Casa posti nel Palazzo Comunale,Via del Pretorio,1, 1^ piano,lo Sportello Immigrati c/o Anagrafe –Via del Pretorio 1,  o su Internet, http://www.viconet.it.   potranno essere presentate entro
Il 19  LUGLIO   2019 (termine perentorio)

- presso lo SPORTELLO CASA  c/o Palazzo Comunale,Via del Pretorio,1, 1^ piano,  Lunedi e  Venerdi ore 9,30-12,30.
-presso lo SPORTELLO IMMIGRATI  c/o Palazzo Comunale,Via del Pretorio,1, piano terra ,  Sabato      ore 9-11.
- presso l'Ufficio RELAZIONI con il PUBBLICO, Palazzo Comunale,Via del Pretorio,1, 1^ piano, da Lunedi a Venerdì  ore 9- 13.
- mediante  PEC al seguente indirizzo: comune.vicopisano@postacert.toscana.it
- per posta Raccomandata A.R. al seguente indirizzo: Comune di Vicopisano- -Via del Pretorio,1- 56010 Vicopisano, entro lo stesso termine. In tal caso farà fede il timbro postale di ARRIVO. L’Amministrazione declina qualsiasi responsabilità in ordine ad eventuali disguidi imputabili al servizio postale.
avendo cura di allegare (in questi ultimi  2 casi) il documento di identità

L’Ufficio Servizi Sociali (tel. 050/796504/62), 1^ Piano del Palazzo Comunale, è a disposizione nei giorni MERCOLEDI e VENERDI  ore 10 -13.

ALLEGARE ALLA DOMANDA

-fotocopia del contratto di locazione  registrato    (se non già in possesso di questa Amministrazione Comunale) 
-fotocopia di almeno 1 ricevuta di pagamento del canone di locazione 2019;
-fotocopia PERMESSO di SOGGIORNO valido (qualora sia scaduto è necessario presentare anche il cedolino di rinnovo e successivamente il permesso di soggiorno rinnovato)   (per i cittadini  extracomunitari)
-qualora non siano riportati nella domanda, gli estremi identificativi della Attestazione ISEE o in mancanza, della DSU, occorre allegarne copia

Inoltre chi ha  ISE  “ ZERO”   o inferiore al canone di locazione e non è in carico ai servizi sociali deve allegare:

dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà circa la fonte di sostentamento, rilasciata dal soggetto TERZO che sostiene l’aiuto economico del nucleo familiare.  Alla dichiarazione dovrà essere obbligatoriamente allegata certificazione attestante il reddito del dichiarante (attestazione ISEE 2019). Il reddito dovrà essere congruo rispetto al sostegno prestato.
e/o
Dichiarazione,prevista nel Modulo di domanda, da cui risulti che il richiedente usufruisce di redditi certificabili di qualunque tipo (lavoro dipendente o autonomo o esenti da IRPEF) percepiti successivamente al 1/1/2018 (allegare documentazione reddituale)

COLORO CHE RISULTERANNO COLLOCATI NELLA GRADUATORIA DEFINITIVA DOVRANNO PRESENTARE entro il   31 Gennaio 2020  le  RESTANTI RICEVUTE AFFITTO del  2019 e l'attestazione di pagamento TASSA di REGISTRAZIONE ANNUALE 2019, se non già prodotta con la domanda.

Art. 7          CONTROLLI E SANZIONI

Ai sensi del D.P.R. n. 445/00 l'Amministrazione Comunale effettuerà idonei controlli, anche a campione., sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive rese ai fini della partecipazione al presente bando, facendo riferimento alla Guardia di Finanza.
Verrà data priorità al controllo sui concorrenti che presentano reddito 0 o comunque inferiore rispetto al canone di locazione per il quale richiedono il contributo.
Si ricorda che a norma degli artt.75 e 76 del DPR 445/2000 e ss.mm.ii., chi rilascia dichiarazioni mendaci, forma atti falsi o ne fa uso nei casi previsti  dalla normativa citata è punito ai sensi del codice  penale e delle leggi speciali in materia e decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera.

Inoltre sarà cura del Comune trasmettere agli uffici territoriali  della Guardia di Finanza i nominativi degli aventi diritto al contributo ai fini del predetto controllo.

Art.8    INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI

Art. 13 Regolamento UE n. 679/2016

Titolare del trattamento e dati di contatto : Comune di Vicopisano, rappresentato dal Sindaco pro tempore, con sede in Vicopisano, via del Pretorio 1 – tel. 050.796511 – pec: comune.vicopisano@postacert.toscana.it.
Designato interno per il trattamento: dott Giacomo Minuti – Responsabile del Servizio Amministrativo. 
Responsabile della Protezione dei dati (RPD) e dati di contatto: Avv. Cristiana Bonaduce, Lungarno Amerigo Vespucci n. 58 – 50123 FIRENZE - TEL. 055.292530 – e.mail:  responsabileprotezionedati@comune.vicopisano.pi.it.
Finalità del trattamento: erogazione di contributi sostegno abitativo su richiesta dell'interessato; invio messaggi di comunicazione istituzionale del Comune.
Base giuridica del trattamento: “obbligo di legge”, “esecuzione di un compito di pubblico interesse o connesso all'esercizio di pubblici poteri” art. 6, co. 1, lett. c), e) Reg UE679/2016.
Destinatari dei dati:
Personale del Comune autorizzato al trattamento. Alle informazioni potrebbero inoltre accedere i Consiglieri Comunali per le finalità inerenti il mandato ai sensi dellart. 43, comma 2, del Testo Unico Enti Locali (D.lgs n. 267/2000), e altri soggetti legittimati in relazione alle disposizioni su trasparenza amministrativa e diritto di accesso (es. partecipanti al bando).
Responsabili di trattamento: Associazione Casa Insieme.
Soggetti terzi: altre amministrazioni pubbliche eventualmente coinvolte nel procedimento in relazione a specifiche funzioni istituzionali (es. Casellario Assistenza INPS), Tesoriere Comunale Banca di Pisa e Fornacette.  
Periodo conservazione dei dati: nel rispetto dei principi di liceità, limitazione delle finalità e minimizzazione dei dati, ai sensi dell’art. 5 GDPR 2016/679, il Titolare ed il responsabile conserveranno e tratteranno i dati personali forniti  fino al termine del servizio e per un periodo ulteriore strettamente finalizzato all'espletamento delle procedure di conservazione, archiviazione e scarto d'archivio secondo la regolamentazione in materia di archivi degli Enti Locali.
Diritti dell'interessato: (artt. 15 e ss. Regolamento): l’interessato ha diritto in ogni momento di esercitare, ai sensi degli articoli dal 15 al 22 del Regolamento UE n. 2016/679, il diritto di:
a) chiedere la conferma dell’esistenza o meno di propri dati personali e l'accesso agli stessi;
b) ottenere le indicazioni circa le finalità del trattamento, le categorie dei dati personali, i destinatari o le categorie di destinatari a cui i dati personali sono stati o saranno comunicati e, quando possibile, il periodo di conservazione;
c) ottenere la rettifica e la cancellazione dei dati;
d) ottenere la limitazione del trattamento;
e) opporsi al trattamento in qualsiasi momento;
f) proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali.
Potrà in qualsiasi momento esercitare i diritti inviando una raccomandata a.r. a Comune di Vicopisano, via del Pretorio 1, 56010 Vicopisano oppure una pec a comune.vicopisano@postacert.toscana.it.
Conseguenze della mancata comunicazione dei dati: La mancata comunicazione o il mancato consenso al trattamento dei dati, anche particolari, determina l'impossibilità di accedere al sostegno economico. 
 

 

 

Contatti: 
Ufficio Servizi Sociali
Tel: 
050/796504-62
E-mail: 
nardi@comune.vicopisano.pi.it