71° Anniversario Eccidio nazista Sant'Anna di Stazzema

Posted on: Mer, 12/08/2015 - 13:42   By: caroti

"Oggi non abbiamo potuto partecipare alle celebrazioni a Stazzema, perché abbiamo una riunione di Giunta, ma con cuore e mente tutta l'Amministrazione è lì. E' necessario trasmettere ai più giovani i valori della pace attraverso la consapevolezza della nostra storia. Non basta non dimenticare, abbiamo il dovere di diffondere la conoscenza degli avvenimenti", dice il Sindaco Juri Taglioli.

E quest'anno il 71° anniversario della strage di Stazzema coincide con altre commemorazioni di eventi tragici. Il ventennale del genocidio di Srebrenica, i 70 anni dal lancio della bomba atomica su Hiroshima e Nagasaki, il centenario del genocidio armeno. Crimini contro l'umanità che si intrecciano nei ricordi, amplificando un orrore che la memoria quasi non riesce a contenere.

All'alba del 12 agosto 1944, tre reparti di SS salirono a Sant'Anna mentre un quarto chiudeva ogni via di fuga. Alle sette il paese era circondato.

Quando le SS giunsero a Sant'Anna, accompagnate dai fascisti collaborazionisti che fecero da guide, gli uomini del paese si rifugiarono nei boschi per non essere deportati mentre donne, vecchi e bambini, sicuri che nulla sarebbe capitato loro, in quanto civili inermi, restarono nelle loro case.

In poco più di tre ore furono massacrate 560 persone.

I nazisti le rastrellarono, le chiusero nelle stalle o nelle cucine delle case, le uccisero con colpi di mitra, bombe a mano, colpi di rivoltella e altre modalità di stampo terroristico.

La vittima più giovane, Anna Pardini, aveva appena 20 giorni.

Non fu una rappresaglia, ma un atto terroristico vero e proprio, premeditato. Un crimine contro l'umanità, morirono 560 persone, ma siamo stati tutti feriti e colpiti, nessuno escluso.

E oggi siamo tutti a Sant'Anna di Stazzema.

Contatti: 
Simona Caroti
Ufficio Comunicazione
Tel: 
050/796525
E-mail: 
comunicazione@comune.vicopisano.pi.it